Poesie di Alma Gjini

Poesie di Alma Gjini

 

E se baciassi la tua bocca?

E se viaggiassi addosso
al colpevole vento
in uno sfolgorio abbagliante

come mare schiumoso
che accarezza dolce
il tuo pensar su armoniche note
e sul ciglio della strada
baciassi la tua bocca?

E se lasciassi la tristezza blu
dipinta sul foglio,
in silenzio e punta di piedi
visitassi la tua anima
nel profondo innesto
che scarta i giorni?

E se ti sfiorassi
ancorata alla pelle
con niente più
che una carezza
ad ogni passo
nell’onda lontana
dove la luna si specchia

e desideri inventa
per chi si ombreggia
e giace nel volo abbracciato
dentro il respiro del cuore
che non ha detriti?

E se baciassi la tua bocca
come vento che sferza il viso
al cor che ha amato
e sgocciola sogni
come antica gioia che risorge

nel tempo da espiare,
come naufrago del nulla
sotto i piedi senza terra,
oggi, domani e domani ancora?

Anche il vento cerca il pertugio,
arranca si sperde,
ma prima o poi,
trova il suo rifugio …

(c)alma Gjini

 

Il buio indossa il tuo profumo

S’inchina il ramo
in un batter d’ali
tra le pieghe del vento

e si riflette sul vetro
quando si fa sera
flebile luce
tra tralci di grano
che si dissolve
tra le nebbie

e del tempo
ricama le parole
di silenzio che m’abbraccia
come i sospiri un cuscino

evade anche il pensier
in una voce lontana
s’adagia

dentro il buio
che boccheggia
e indossa ancora
il tuo profumo. ..

Alma Gjini
05/11/2016

 

Ho te sotto la mia pelle

Non volevo tacere al tuo cuore
Ma l’alba intimidiva la notte
Anche se l’anima beveva ai tuoi occhi
E la luna sbiadita e capricciosa velava
Fragili altalene di ricordi
Mescolati con il nero caffè amaro al risveglio

Ho te sotto la pelle e al pensier che fugge
Come albero dipeso al passo di un cielo terso, non sfuggo
Ne al vento caldo che inumidisce i cocci di vetro al cuor appeso
In tracce d’inchiostro cui la mente sì e arreso

Non volevo tacere al tuo cuore
Ma il giorno infrange la magia della notte
Come il mare, le onde sulle rocce sospinto dal vento
E sgrana fragili memorie e stupore che racconta l’amore

Ammutoliti siano i ricordi che mi possiedono
Mi distraggono dal cuore e cercano rifugio
Lì, nel sussurro tuo sotto la mia pelle
E io mi fermo ad ascoltare il canto….

(c)Alma Gjini

 

Advertisements

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s