Poesie di Valbona Jakova

Posted on May 14, 2017

0


Poesie di Valbona Jakova
 
 
Preludi materni …!
 
Chi è che conosce
i presagi materni?
Al primo novembre
i rintocchi delle campane
annunciano il giorno
dei morti!
L’unica che non è
ancora morta,
è la madre
che porta nel cuore
il cimitero dei santi.
Per il suo dolore
che la santifica
il rintocco delle campane
continueranno per
tutta la sua vita
e per ogni suo dolore
che tiene lontano da lei
la gratitudine
di una parola gentile,
ma malata e vuota,
la sua incompleta eleganza
non raggiungerà
mai il suo cuore.
Come premio
per ogni suo dolore
avrà in grazia il dono
premonitore
del prossimo rintocco!
 
Dicembre 2016
 
 
 
Per dimenticare…!
 
L’umidità della morte
si asciuga nel sole della vita.
Evaporando, errando,
si insinua dentro spiriti
iniettando la pazzia
che gioca con cose piccole
e li trasporta nel gran deserto
dove l’unico vivente è un cane
solitario.
Una luna blu
si inarca nel bianco
dei suoi occhi
e il suo tenero silenzio
parla di fedeltà.
In un azzurro notturno,
per i deserti abbandonati,
ha occhi più belli
del dolore.
 
09.11.2016
Posted in: POEZI