Le fatiche delle ombre / Poesie di Erjon Muça

Poesie di Erjon Muça

 

Le fatiche delle ombre

Ombre stanche muovono
le gambe rinsecchite, scheletriche
nel tramonto dal rosso appesantito.
Si trascinano stanchissime
dai infiniti pedinamenti
e per questo sembra che vogliano fermarsi
aggrappandosi al asfalto con le unghie,
le mani…

Si stancano durante il giorno le ombre,
strisciano per le strade senza fermarsi
su cingomme pestate e mozziconi di sigarette,
pestandosi da piedi
incrociandosi con altre ombre.
è per questo le vedi sfinite
dai movimenti blandi,
quando il tramonto cade…

Quando il buio invade i corpi,
la salvezza arriva per le ombre
stancate dalla luce.
La notte dona con ampiezza
quello che sezza pietà
il giorno gli ha sottratto…

Sono libere le ombre chiuse
in stanze buie, staccate
dai corpi sudati
E non accendete le luci
quando sono concentrate nella loro solitudine,
resteranno per alcuni istanti
come esseri sperduti,
smariti, Increduli…

Mi fano pena le povere ombre,
che sono costrette ha trascinarsi
sotto la triste luce lunare.
Sembrano sbiadite,
sofferenti, come vedove imbrutite,
nasciture di esseri incorporei…

Solo sotto terra le ombre sono calme,
si sprigionano dai incubi,
dai trascinamenti e dalle, senza fine,
fatiche.
Quando gli coprono per sempre
con il fango, sono sprigionate,
dalle condanne che gli affligge la vita…

Advertisements

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s