Poesie di  Emanuela M. R. Marzo

Poesie di  Emanuela M. R. Marzo

 

GOTHIKA

Mi immergo vorace
nei meandri delle tenebre
inebriandomi audace
del buio il suo canto funebre …
Ho fame e sete,
stanotte,
d’Amore e di nobile Sangue:
del mio inquieto passato veloci comete,
dell’agitato presente leste compagne.
Smaniosa m’inoltro
nel Silenzio scaltro
e dell’Anima complice.
Le ombre e la densa fuliggine
Proteggeranno i miei passi.
Stanotte, stanotte …
Prima che la luna trapassi,
le mie labbra mai assuefatte
sapranno assaporare ogni stilla
che cola goccia a goccia
Di rossa linfa e di fredda pioggia.

 

NGELO MIO

Povero Angelo mio:
Vita infinita pulsante,
Spirito puro della parola di Dio,
mio consolatore armonioso
mio fascio di Sole avvolgente,
Da quanto tempo m’aspetti
E ancora permetti
che in silenzio burrascoso
mi svincoli dai terreni ricordi
e da rimpianti troppo stretti …
Mi guardi
e premuroso attendi ch’io scelga
e che da sola ti cerchi e t’accolga:
Ti basterebbe
un sospiro mio più coraggioso
O soltanto un mio richiamo sincero
Per rompere queste stringhe d’angoscia
Per lanciarmi in un volo leggero,
Per non lasciare che io lasci
la mia anima ancora apatica e moscia …
Ti chiamo adesso, Angelo mio:
Rompi questi terreni gusci,
Dissolvi
di tutte le chiacchiere il fastidioso brusio,
Raccogli di me questi stracci
E non lasciare mai più ch’io
alla vita vera possa mai dire addio!

Advertisements

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out /  Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out /  Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out /  Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out /  Change )

Connecting to %s