Poesie di Yuleisy Cruz Lezcano

Poesie di Yuleisy Cruz Lezcano
 
 
SEMPREVIVA
 
Tempi di là, sommersi
nel volo della sera…
ad occhi chiusi
la mia chimera
ha i tuoi occhi.
 
Volo nato dalle linfe,
dopo che tace ogni parola,
parla il sogno.
 
Ah cinema
di immagini mute!
Reale come la finzione,
progetta la mia vocazione
di immaginare le parole.
 
Ho toccato il tempo dei sogni
con una sola strizzata di occhi
e come passero che vola,
ho dilatato la conversazione
con il vento,
aprendo nuovi cammini
nell’aria.
 
 
LA VITA STESSA
 
Incomincia ad essersi
una parte di me non mia,
è tua! Donna con me
e con altro di sé
“Orior” urlo di nascita,
forse ponte
per comprendere altro?
Il dialogo dei sensi
è percezione acutizzata
dalla danza senza separazione
fra corpo e anima.
Due gambe escono dalla musica,
sono nel vivere morire,
in tutte le parti.
Qualcosa diviene urlo,
forma del tutto,
eternità in un minuto
dal primo all’ultimo respiro.
Forse nella frammentazione,
incontro il corpo vivo
sul letto svestito.
Molteplici correnti
combattono aspramente
fra la mia nudità e la mia vestizione.
Mi allontano dal punto sorgivo
dell’intenzione,
sgorgo e sgorgo,
qualcosa da me si alza
superficialmente,
come fonte di riciclo
mi rinnovo perennemente.
Vedo e vedo, forse mi vede
quel cammino di fede
lungo una vita
che è la vita stessa.
 
 
 
MEMORIE DI SANTARCANGELO
 
Seduti qui a Santarcangelo,
all’inizio di ogni contrada,
corre l’immagine del passato,
scarpe con punte tonde,
calzetti bianchi alle ginochia,
ancora bambina,
si veste a feste,
con innocenza magica.
Bambina di ieri,
corre nel presente,
sventola il calendario sbarazzino
e muove la testa cantando…
la sua voce, raccontando,
è coperta di nostalgico sorriso.
Il passato contagia il presente,
la sua immagine
espone la guancia al futuro,
vuole essere baciata.
La purezza fragile gioca
con qualsiasi tempo della storia,
salta felice sulla memoria,
sorride con vecchi giochi,
ma ora sembrano diversi.
 
 
 
Alchimia
 
Scuotere l’orologio di sabbia
per accelerare il tempo annunciato
che non arriva?
Sì, l’ho fatto, ma
senza separare il vero dal falso,
ho sfidato l’astronomia del cielo,
per poi capire che
ciascuna stella cade
quando e dove vuole.
L’alchimia ci avvicina
cose non visibili,
ci svela parte dei codici segreti
con soffi vitali,
sapendo che sono segreti
e rinarranno tali,
perché l’origine del tutto
è un arcano principio
di cui l’uomo non ha più memoria
e porta con sé il cappello
per credere di creare la magia
e iniziare da capo la storia.

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out /  Change )

Google photo

You are commenting using your Google account. Log Out /  Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out /  Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out /  Change )

Connecting to %s