Spremute d’arancia / Poesie di Claudia Piccinno

Spremute d’arancia
 
Promettono bene le tue arance,
le concimano ora le mie preghiere per te.
Mai stanco di produrre spremute
perché mamma non si lasciasse andare
ogni giorno attraversavi la Puglia
con i tuoi thermos colmi d’amore.
Per anni ho cercato la tua approvazione
intrufolando sassi nel giardino
solo per distogliere il tuo sguardo
dai solchi che tracciavi per noi.
Volevo fare rumore
sorprenderti nel rifugio
che costruisti ad arte
in quel fazzoletto di terra
pieno di agrumi.
Ho sempre saputo che in quei frutti
c’eravamo noi.
Profumano ancora senza di te.
Ogni pianta è un nome in codice,
ostinata io serbo
in un rebus della memoria
i nomignoli
con cui salutavi le foglie perdute,
non potevi sapere che una tempesta
le avrebbe nuovamente deposte
ai piedi dei tuoi aranci,
che io segretamente bagnavo di speranza.
 
 
 
Claudia Piccinno
Advertisements

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out /  Change )

Google photo

You are commenting using your Google account. Log Out /  Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out /  Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out /  Change )

Connecting to %s