Nota critica sull’estro poetico artistico di Sergio Carlacchiani / Claudia Piccinno

Nota critica sull’estro poetico artistico di Sergio Carlacchiani
 
C’è una forte spiritualità nei componimenti di Carlacchiani, c’è una spinta introspettiva prepotente che mette in primo piano l’anima e l’autorizza al dialogo inchiesta con Dio.
Il nostro : artista versatile, autore, pittore, poeta, direttore artistico, è anomalo in questo panorama contemporaneo perché non ha timore di mostrare la sua autenticità, non ha velleità di passerella e non nasconde le sue fragilità. Vi è l’uomo in questi versi, il compagno: Ogni giorno un nuovo inizio/ un vizio che non voglio bonificare/sei tu amore., il padre, ma soprattutto vi è Sergio figlio che instaura un fil rouge col padre celeste e il padre terreno che Carlacchiani ha perso di recente.
 
Quest’inverno che mi auguro
stia per finire è stata una guerra
ha strappato mio padre dalla terra
 
Conosce bene quella che io chiamo liturgia dell’imperfezione e ci convive tra estro e sensibilità senza fingere di essere un altro, ma Amo do Mio.
 
Gli amici anche i più traditori
come gli amori non si estinguono mai
basta non rinnegarli e ripensarli
 
Nel titolo Amo do Mio si cela il senso della raccolta che, pur non comprendendo poesie coeve, nate cioè nello stesso periodo di tempo, si connota all’insegna di due concetti chiave: l’amore e la fedeltà a se stessi.
Il linguaggio oscilla tra un registro colloquiale ed uno filosofico, lo stile tra l’invettiva e la preghiera, nel mezzo c’è l’uomo artista che è un tutt’uno, non scende a compromessi e ne va fiero.
 
l’anima dell’artista muta sta
incorporea incorruttibile al
sommo della sua speculativa
forza che ravviva ogni cosa.
E ancora
solo l’anima evade vera
densa astratta leggera
da questo basso fortilizio
 
Le stesse impetuose ipotesi di indagine e ricerca spirituale io le ravviso nei suoi dipinti, nelle pennellate decise che hanno sollecitato il mio immaginario tanto da farmi comporre dei versi dirompenti che ho prodotto senza controllo.
A Sergio Carlacchiani mi lega una profonda stima e gratitudine perché uno dei miei libri ha una sua opera come immagine di copertina, con questa mia breve nota posso ora ringraziarlo ufficialmente per la sua generosità nel divulgare bellezza.
 
 
 
Claudia Piccinno
Direttrice per l’Europa del Word Festival Poetry
claudiapiccinno.weebly.com

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out /  Change )

Google photo

You are commenting using your Google account. Log Out /  Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out /  Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out /  Change )

Connecting to %s