Poesie di Arqile Vasil Gjata / Traduzione in italiano a cura di Suzana Saho – Hysi

Poesie di Arqile Vasil Gjata
 
 
Quando sono andato dalla Valona
 
Nel mio cuore ho chiuso il mare,
Per non sentir fuori me i gemiti.
Quando la nostalgia mi invade,
Annodo il mio petto ad ascoltare
Le canzoni dell’infanzia.
 
***
Le mie ossa sul ciglio del mare piantatele,
…bella sarà stata la mia tomba!!
Tutti abbiamo dimenticato a piangere,
Mi hanno rubato le lacrime
La gente della mia terra.
 
***
Tra le mani
Mi sta morrendo il tempo.
Con le bracia allungate sulla luce della
sapienza
Ho visto me stesso così piccolo,
Quanto un filo di paglia.
 
***
Mi sono ricordato della scomparsa delle stelle
Dalla paura delle fredde mura,
Per la ragazza più bella, che se ne andata…
Senza indietro rivolgere la testa.
 
 
 
L’AMORE, COME OPERA D’ARTE DELLO SPIRITO
 
Dalla stanchezza delle sue due dita gelate
In questi inspiegabili giorni invernali
il dolce amore aveva riaperto gli occhi
… così di farsi polvere e briciole
Quando a me raggiunge
Dove la neve sembra più bella dei vizi
Di quelle parole.
L’amore, non sempre si annovera come l’opera d’arte
Prodotto dall’anima di quel libro il cui sfioro e trovo le mie mani
Strettissime al monumento che ho congegnato
Con le lacrime dei miei versi e i misteri della tua anima.
Ho scelto te per paragonarmi con la vita, non per caso,
ma dalla tristezza che avevano le vie dove tu passavi.
Ed ecco … ora l’amore vive come l’opera d’arte,
creato dal nostro spirito!
 
 
 
RICORDARTI
 
Amore, vieni!
Vieni a rilassarci sui prati dei nostri ricordi!
Aspettami sulla Collina delle Bambole
Alzare i palloncini come quando eravamo innamorati!
Ti aspetto nell’Anfiteatro delle stranezze
Lì dove solo i venti ballano,
ma quanto assomigliavi le bellezze antiche!
Era bella quella giornata …
Il tuo nome fianco a fianco con il sorriso dei tuoi occhi
Ricordi le rose?
E sulle rocce di capelli grigi
Strano è la vita!
Ma, ecco!
Iniziano cadere le ultime foglie …
Nella scongiura del viaggio delle strade di lacrime
Attenzione fai dalle nuvole!
Vieni nel mio funerale, semplicemente con un vestito estivo
Malgrado sarà doloroso
Tu, con le labbra rosse bacerai il silenzio …
Ti aspetto, vieni!
 
Traduzione in italiano a cura di Suzana Saho – Hysi

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out /  Change )

Google photo

You are commenting using your Google account. Log Out /  Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out /  Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out /  Change )

Connecting to %s