Silvana Kühtz (Italy)

 
Silvana Kühtz (Italy)
 
Silvana Kühtz was born in Bari. She has a multi-disciplinary background (theatre and poetry training, engineering degree and PhD, communication MSc, journalism). Graduated in Engineering at Politecnico di Bari (Italy), attended the Imperial College of Science (University of London), leading to a Ph.D. degree and Diploma of Imperial College. She completed a Master Course in Communication (Aleph school Assisi, Italy). Since 1995 she is lecturer at Università della Basilicata, Matera, Italy, senior lecturer of Language Future and Possibility (an innovative course she created to enhance the quality of learning, creativity and self expression of future generations of scientists).
Winner of the 2014 Alfonso Gatto Poetry Prize in the category for unpublished works, with this very collection.
In 2005 she created the project Poetry in action, where poetry and other arts fuse and mingle to produce concerts and workshops. In particular the sensory concerts are a focal point of her activity since the beginning.
Since 2017 she conducts Sensory Concerts for the Harvard Summer school in Siena, Italy.
She has published books and papers on International Journals and is invited to contribute to conferences on the research topics investigated.
 
 
 
Silvana Kühtz è nata a Bari, ha una formazione multidisciplinare che spazia dal teatro alla poesia all’ingegneria. Dal 1995 è ricercatrice e docente all’Università della Basilicata, dove è titolare della cattedra Linguaggi, futuro e possibilità nel corso di laurea di Architettura, a Matera. I suoi campi di ricerca riguardano la città, la bellezza, l’abitare e la comunicazione.
È ideatrice del progetto PoesiaInAzione che nasce per far scendere la parola poetica dalle austere stanze dell’accademia e portarle nei retrobottega, nei garage, nei luoghi quotidiani, per sfidare la noia mortale cui spesso si pensa quando si dice poesia e mettere insieme elementi apparentemente lontani fra loro come scienza, letteratura, azione, improvvisazione e ispirazione, e per far questo si serve di parola e musica e non solo. È vincitrice del Premio di poesia Alfonso Gatto 2014 nella sezione inedito proprio con questa silloge.
 
 
30 giorni una Terra e una Casa – CAMPANOTTO ED. 2015
30 days one Earth and one home
 
 
Thursday 23.
 
I do not know where you stand in this clear night
but I know that you are inside a movement
supported by lintels against the peril of subsidence.
Come hell or high water, I will be there
should the lake boil,
I will be there
at least for one hour of silence in the dark
I dream for that circle to widen
while being absorbed by the wind
and thinking that I may be happy to be there.
Accept my tea and my almonds.
Getting used to you
head high
but always attentive to the feet at each step
is my prayer.
I started a journey and
clouds of yellow and black butterflies
freshen their wings
in a windmill of pleasure.
Open your eyes wide
their noise is so bare
that if you pay no attention
you will be left with a frozen heart.
 
 
giovedì 23°giorno.
 
Non so in che punto sei di questa notte limpida
ma so che tu stai dentro a un movimento
sorretto da architravi contro il pericolo di cedimenti.
Cascasse il mondo ci sarò
bollisse l’acqua del lago
ci sarò
almeno per un’ora di silenzio al buio
sogno che quel cerchio si espanda
assorbita dal vento
e penso che forse sarei felice di essere lì.
Accetta il mio tè e le mie mandorle.
Abituarsi a te
lo sguardo alto
ma sempre attento ai piedi a ogni passo
è la mia preghiera.
Mi sono messa in viaggio e
nuvole di farfalle gialle e nere
si rinfrescano le ali
in una girandola di piacere.
Aprite bene gli occhi
il loro rumore è così nudo
che se non fate attenzione
resterete col cuore gelato.
 
 
 
Wednesday 27.
 
That not named is lost
but nothing has value if your
soul is stolen.
I dream that I fall on the heavy earth
to give dreams of gold.
 
The risks of one word too many
or one word too few
must be chewed on every day.
We are love seekers.
 
 
mercoledì 27°giorno.
 
Ciò che non nominiamo va perduto
ma nulla ha valore se ti viene
rubata l’anima.
Sogno che cado sulla terra greve
a regalare sogni d’oro.
 
I rischi di una parola di troppo
o di una parola di meno
vanno masticati ogni giorno.
Siamo cercatori d’amore.
 
 
 
Saturday 28.
 
It takes an unshakeable faith
in the world
to feel a part of the immensity
and get out of the shoals of the bad season.
It takes an astonished faith
in the notes
when the music’s gone elsewhere
and you are before a blank page
and invention is forbidden.
Reality surpasses me
and like a wide opening
It eats the light
and the poetry of observed things
returns
because on the night of the things
lived as feeling
shines elusive
the nothing
 
And the whole.
 
 
sabato 28°giorno.
 
Ci vuole una fede incrollabile
nel mondo
per sentirci parte dell’immensità
e uscire dalle secche della brutta stagione.
Ci vuole una fede stupita
nelle note
quando la musica se n’è andata altrove
e tu sei davanti a un foglio bianco
e l’invenzione è proibita.
Il reale mi supera
e come uno spalancamento
si mangia la luce
e la poesia delle cose guardate
ritorna
perché sulla notte delle cose
vissute come sentimento
splende inafferrabile
il nulla.
 
e il tutto.
 
Translation Nathaniel DuPertuis

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out /  Change )

Google photo

You are commenting using your Google account. Log Out /  Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out /  Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out /  Change )

Connecting to %s