Vergogna / Poesia di Yuleisy Cruz Lezcano

 
Poesia di Yuleisy Cruz Lezcano
 
 
Vergogna
 
Trovo vergogna di me
se mi guardo piangere,
se lascio che mi guardino
in nuda trasformazione
degli occhi:
due taniche collose
piene di gelatine acquose
pronte per gli asettati,
per la compassione
degli sconosciuti,
teatrino di gesti muti,
cinema senza parole,
mi ridicolizzano.
La vergogna e il pudore
mi raddrizzano
in un altro registro,
meteorita precipitato
su pagina che sfavilla
nel proprio pianto proiettato
dentro il sogno di una anguilla.
La mia vergogna stilla
bile che divora
i miei resti scivolosi.
Io, donna di argilla,
mi vergono dei curiosi
e la vergogna mi assilla,
non permette che riposi.
 

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out /  Change )

Google photo

You are commenting using your Google account. Log Out /  Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out /  Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out /  Change )

Connecting to %s