Poesie di Enertin Dheskali / Traduzione italiana a cura di Juljana Mehmeti

Poesie di Enertin Dheskali
 
 
Ciclo della vita
 
Come il mitico serpente di Laocoonte
la vita mi stringe al collo
sofferente,
io affondo i denti e sotto la tempesta,
combatto per le ceneri della mia Troia
silente.
Aria non ho
per riempire i miei polmoni stanchi
dalla nicotina che gli altri mi donarono,
sul tavolo degli anni uccisi.
 
Acqua non ho,
nel lago delle mie attese…
Vagando,
nel Sahara sono tornato.
 
Fuoco non ho.
I diluvi delle stagioni via lo portarono,
nascosto tra nuvole e lampi.
 
Terra non ho.
Ho solo polvere e dolore,
che coprono la lapide dei miei
sogni…
 
 
 
Amarti da lontano
 
Ho aperto le porte del cuore questa sera
attendendo notizia di te,
giunge dal lontano dolcemente la tua voce
e cristalli di lacrime si posano negli occhi.
 
Ho solo te in questo squallido mondo,
metà della mia anima
e del corpo stanco dal dolore.
Sei il bacio,
la rosa delle mie aride labbra,
che manca in questa solitudine
che imprigiona.
Rimprovera pure e spezzalo se non credi,
questo cuore rimasto esamine ormai…
 
Il dolore tra sospiri tento di soffocare,
-Ti amo – sussurro
tra le lacrime,
Da lontano…
 
 
 
Trovami…
 
Oltre i giganti che si sono persi
nel tempo,
oltre le fate che dormono
sull’arcobaleno,
oltre i sogni che il sonno
spaventano…
 
La solitudine si sveglia e naviga,
cercando un amico
Negli oceani del silenzio…
 
Se tu sei sola,
scavalca la luna e trovami,
In mezzo alla cascata
dell’attesa…
 
 
Traduzione italiana a cura di Juljana Mehmeti
Advertisements

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out /  Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out /  Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out /  Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out /  Change )

Connecting to %s