Poesie di Yuleisy Cruz Lezcano

Poesie di Yuleisy Cruz Lezcano
 
 
VUOTI
 
Attesa nella dimora convulsa,
oscuro muschio sulle mura,
fondale di pozzo senza secchio.
Nel giardino delle mosche verdi
con occhi raffreddati, coltivo vuoti.
 
 
 
QUELLO CHE VOGLIO DARTI
 
Amore, dimmi come posso darti più di me stessa, perché il mio cuore di più vuole darti?
Vorrei darti la mia memoria dell’estate,
quella grandine che picchiettando bussa nel tetto,
quei lampi che esplorano il pericolo dei ponti,
quando saltano da nuvola a nuvola.
Vorrei darti fontane di riflessi di luna,
lunghe stagioni con fiducia
su quelle rose che sbocciano sul cuore.
Vorrei darti quello che in molti chiamano amore e che io, io non so che nome darle.
Vorrei darti quel che ride davanti all’impossibile, perché esce dal sogno e si avvera.
Vorrei darti quello che ancora non so, so solo che questo sentimento ha il corpo proteso verso l’abbraccio; è come un laccio che mi avvolge; è alto e matura la notte; è come un disegno magico e innocente di bambina che partorisce le punte delle stelle; è qualcosa che mi avvicina alle cose più belle.
 
 
 
Malinconia
 
Carica di silenzi al curvar d’erba
perde il capo il dolce fiore,
stagione gelida senza amore
nell’aia del ricordo ombroso.
 
Il leggero dormir senza riposo
è sagoma di sguardo commosso,
vistoso traboccar di rimpianti,
sospiri lamentosi, tristi canti.
 
Il foulard al vaglio mosso
esala sospiri ed effluvi affranti.
Il pianto è un tormento gigante,
ruscello al guado, mondo distante.
Advertisements

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out /  Change )

Google photo

You are commenting using your Google account. Log Out /  Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out /  Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out /  Change )

Connecting to %s