SENZA CONFINI –  Yuleisy Cruz Lezcano

SENZA CONFINI –  Yuleisy Cruz Lezcano

 

Confini: estrema linea che segna la fine o demarca un dato fondo, territorio o paese, dividendolo da quello che gli è attiguo.

A volte si usa la parola confine, anche, per indicare l’esilio di una persona, ma nel nostro caso noi vogliamo indicare, non i confini prettamente territoriali, ma i confini dei pensieri, delle idee, delle opinioni, delle vedute, dell’immaginazione, dei sogni… i confini mentali che possono dividere o avvicinare un uomo a un altro oppure la realtà ai sogni.

Spesso di ciò che è importante nella propria esistenza non ci si rende quasi conto. Mi son chiesta se sia lecito chiamare le divisioni confini e, ho finito con il rispondermi di sì, già che i confini possono simboleggiare i sigilli immaginari che dividono diritti e doveri, rispetto per la libertà dell’altro e inclusione nel suo universo.

Tutte le nostre gallerie mentali possiedono dei confini soggettivi; ogni ferita esistenziale possiede delle linee di demarcazioni che conducono alla guarigione; ogni ombra incontra il proprio confine nei raggi del sole che la spinge da dietro; ogni disincanto moltiplica attorno a sé le possibilità di scelta. Ogni confine implica l’assenza di confine.

Il restringimento del campo visivo è solo apparente, basta spostarsi di posizione per vedere altro. Il confine di due bugie spesso porta a un’affermazione vera, così come il prodotto di più fallimenti si possono concludere con un successo. Quando si cammina, non solo si cammina e quando si mangia, non solo si mangia; ogni azione trova il proprio confine quando inizia un’altra. Così quando stacchiamo gli occhi da noi stessi, dalla nostra stessa natura, usciamo dai nostri confini per entrare nei confini del mondo che ci contiene. Io, come tanti, ho provato ad abbattere barriere, alcune sono cadute, altre sono rimaste lì, impavide, ma la cosa importante è averci provato.

Non si può pensare solo “la mente” come il nostro computer anatomico ragionevole, “la mente” non solo fa calcoli, non solo ci conduce con automatismo attraverso le funzioni e i gesti imparati, ma la mente è parte di un sistema che, al suo interno, contempla anima – mente – corpo. La mente è dentro la testa, certamente, ma unisce intuizioni, percezioni ed emozioni, ed è da quest’unione che si parte per il proprio volo che ci permette di percepire la vita come un meraviglioso miracolo.

La vita non è solo il cognome e il nome che ci viene dato alla nascita, la vita è dentro ogni cosa e dal momento che incominciano ad uscire dalla stretta relazione con noi stessi, dal momento che ci facciamo le prime domande, capiamo che l’acido, l’amaro e il dolce  vengono dal di fuori, la cosa difficile è amare tutti quanti i sapori, allo stesso modo. La cosa difficile è amare i nostri successi, prima amando i nostri sforzi per conseguirli.

I confini fra “l’amare” e “il non amare” non sempre si svela, non sempre le nostre domande trovano una risposta quando è utile. E se fossero le domande le risposte che cerchiamo?

Quindi, è attraverso le domande che vi invito alla mostra itinerante poetico – fotografica “Senza confini”, ideata da Giuseppina Brintazzoli e da me, che si terrà sabato 29 luglio alle ore 17,30 nel Comune di Monzuno (BO). Questo è un invito aperto! Venite ad accompagnarci in questo viaggio attraverso parole e immagini. Il viaggio che farete e che faremo, potrebbe essere l’inizio di un cammino che ci porterà insieme attraverso l’innocenza delle nostre prime domande.

Il nostro cuore è aperto per accogliere la meraviglia; la mente è l’occhio del cuore, dove l’immaginazione è la stazione di sosta che porta mari di fantasia. Noi siamo pesci che nuotiamo tutta la vita, e i fenomeni elettrici e magnetici che veicolano i fluidi che ci contengono, possono unirci in un incontro “Senza confini!”

http://notiziefabbriani.blogspot.it/2017/07/monzuno-consolida-la-sua-vocazione-per.html?spref=fb&m=1

Vi lascio a seguito una poesia tratta dal mio libro “Credibili incertezze”, pubblicato nel 2016, con Leonida edizioni.

 

Incontrami per la città

Incontrami per la città,

mentre vago

in cerca di qualcosa che non so,

incontrami e sorridimi,

poi va per la tua strada.

Incontrami per la città che persiste

quando la gioia ha sedia per sedersi

come un gigante ebbro a contemplarti.

Incontrami nella sera

in cui la vita mi sorride

e sorridimi anche tu

perché le migliori parole

si leggeranno nei miei occhi,

nel fondo della pupilla

la mia casa in ombra

fra piccoli mari e antiche mappe

ti dirà, del nostro incontro, il motivo.

Incontrami mentre vago

in mondi senza orbita

e la città sembra troppo grande

perché io possa incontrarti.

Incontrami quando io guardo all’orizzonte

in cambio della fragile idea

di incontrarti sulla nascita

di tutti cammini.

Sugli spazi muti

che non conoscono il tuo nome

sarai spinta verso la vita

che attraversa la mia anima con le ali.

So che stai vagando sui marciapiedi,

cammini anche tu senza meta

perché io possa incontrarti.

La strana rotta mi ha e mi perde

e nei piccoli spazi di verde

sarai tu quello che ho sempre cercato.

 

Credo profondamente che l’arte avvicini la realtà per restituirla in un’altra lingua, senza farne una stenta e opaca trascrizione, ma cercando di vestirla al meglio, con un lirico vestito che dialoga con tutti i misteri, senza svelarli completamente.

Niente di più errato del pensare che l’arte tocchi unicamente la dimensione estetica delle cose; l’arte guarda dentro e fuori l’uomo, perché l’uomo, attraverso l’arte, cerca di penetrare nel mistero delle cose, di raccontare la sua storia, la sua intima realtà, riconoscendo i propri limiti per raccontarsi e per raccontare quello che gli ruota attorno.  Comunque l’arte è arte, qualunque sia l’oggetto d’interesse.

L’arte si scolpisce dapprima nell’anima dell’uomo, ecco perché quando viene partorita urla la sua ragione di esistere e fa vibrare la materia per evocare la memoria emotiva, con la sete metafisica che cresce, insieme all’evasione incorporea dell’anima.

Volgiamoci adesso agli effetti intellettivi provocati dalle parole e dalle immagini, credo che quando queste due vie di comunicazione si sovrappongono in modo artistico, conseguano un risultato estetico che la maggioranza delle persone possono giudicare come coinvolgenti ed emotivamente validi. Il percepito, perfino dall’osservatore laico in materia artistica, non deve essere spiegato né digerito da un critico d’arte che veicola il valore artistico dell’opera creata,  perché la bella estetica è potente e comunica a prescindere il suo messaggio.

Yuleisy Cruz Lezcano

Advertisements

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s