Poesie di Rada Koleva – Genova

Poesie di Rada Koleva – Genova
 
 
NEL MORSO DEL BUIO
 
Questo buio denso , palpabile ,
che inghiottisce tutto in fretta … con la bocca piena
di ogni confusione diurna ,
nutre ogni sonno inquieto
per farci digerire le nostre paure ,
le nostre emozioni premature ,
abortite dall’anima
nel suo relazionare col mondo …
L’occhio tondo del lampione
diffonde le luci deboli , superficiali ,
le quali si perdono disperatamente , spalmandosi
su questa esistenza forte …nera ,
senza lasciare alcuna traccia ,
alcuna cicatrice
sul suo corpo massiccio , avvolto soltanto
dal manto oscuro delle tenebre
che vibrano mosse
come da un soffio invisibile… surreale .
Un connubio
che produce la moltitudine
di quelle realtà effimere
che espandendo le ali per turbare ogni sonno
appena concepito ,
ogni sogno a lungo temuto
dentro i meandri segreti del nostro inconscio ,
sperando di avverarsi
in un altro tempo
in un’altra dimensione ancora non definita …
Mi sveglio di colpo … pallida ,
fredda , contenta di vedermi libera
da questo morso notturno e
di aver trovato l’uscita …
Alla luce del giorno
non dimostravo più alcuna ferita …
 
22.07.2017 , Tirrenia
Rada Koleva – Genova
 
 
 
UNA VISITA
 
In questa notte in bianco i ricordi tornano
come i parenti dopo un lungo viaggio nel tempo …
Il silenzio si riempie
della loro moltitudine confusionaria e
le immagini , confondendosi una con l’altra ,
compongono il mio diario invisibile
con le parole senza voce …
Veloce … velocemente percorrono le vie
della memoria
come in una pellicola di un regista tenace
che non sa di stanchezza …
Mi circondano …
Mi guardano con quella assoluta franchezza
che appartiene soltanto ai bambini
ed alla nostra coscenza spoglia , priva
di filtri e di paure
per il giudizio degli altri …
E’ tardi …
Con gli occhi aperti in mezzo alla notte
tengo una conversazione silente
in cui loro sono gli interlocutori , ed io ,
soltanto un ascoltatore sveglio , attento
ad ogni detaglio della narrazione …
In questa notte in bianco
il tempo scorre in un’altra direzione ,
opposta al presente … li , indietro ,
per trovare l’inizio della mia partenza .
Senza preoccuparmi , trattengo
questa presenza tardiva
che mi fa compagnia …
E’ la vita mia …
 
24.07.2017 , Tirrenia
Rada Koleva – Genova
 
 
 
IL VOLTO DEL LIBECCIO
 
Queste onde grigie , smisurate ,
che di continuo si sbattono al bordo del mare ,
queste creste di pizzo bluastro
che si sciolgono … per penetrare
nel corpo asciutto
di queste sabbie secche , polverose … prive
di memorie e di ricordi ,
questo cielo cupo , pesante ,
che minaccia di cadere e
di affogare in fondo degli abissi azzurri ,
oggi completano soltanto
un’immagine passeggera d’estate …
Sono stati i giorni migliori …
Ore ed ore il Tirreno dimostra
il proprio lato oscuro
senza badare alle nostre aspettative .
Questo vento spietato spazza via tutto e
le rive rimangono vuote … senza
alcuna traccia di gioia
che se ne è andata pure essa
con ogni soffio forte e violento …
Di fronte a questa realtà inevitabile , tento
di comprendere il senso dei cambiamenti ,
senza amarezza … senza lamenti .
 
25.07.2017 , Tirrenia
Rada Koleva – Genova
 
Advertisements

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s