Poesie di Rada Koleva – GENOVA

Poesie di Rada Koleva – GENOVA
 
 
NOSTALGICA
 
Le nebbie sottili cadono dai cieli grigi
come un merletto prezioso
che copre il volto pallido
di ogni donna abbandonata alle temperie
del tempo …
Lo spazio autunnale si riempie
di malinconia …
I passi lontani , sconosciuti , in sintonia
alla giornata , indicano l’arrivo
di quella solitudine nostalgica
che fa entrare la moltitudine invadente
dei ricordi …
Le voci sorde tornano inevitabimente
per ricordare la melodia
di quel narrare
che descrive il diario del vissuto , e
le parole , allora taciute , vengono a galla
come le prime foglie cadenti
degli alberi , adesso rimasti fermi
in un aspettare poco chiaro …
Forse coll’albeggiare , nel giorno seguente ,
verranno le risposte certe …
Mi sento persa , avvolta nella rete delle frasi
di un racconto all’improvviso interrotto …
Da lontano mi segue il suono caldo
di un solitario fagotto …
 
 
 
PER ADESSO
 
E’ calma …
E’ tranquilla questa notte autunnale , priva
di quegli alti e bassi
che misurano l’incertezze giovanili e i dubbi
dentro di noi
che spesso alzano le voci e ci mettono
sulle strade sbagliate …
Se ne sono andate via tutte …
E’ calma …
E’ tranquilla questa notte autunnale , carica
di pensieri e
di rifflessioni mature , venute
dopo un lungo cammino complesso , spesso
interrotto dagli avvenimenti inaccettabili
ed avversi …
Con lo sguardo sereno , contemplando
il cielo spento
mi rendo conto di tutti momenti belli
andati via … persi ,
lasciandomi impotente di farli tornare
per apprezzare di nuovo la loro presenza …
Mi arrendo … ferma
dalla maturità e dalla saggezza
che colorano il quadro notturno , in cui , io
sono la solita protagonista , presa un pò
dalle nostalgie …
Le vie vuote , aiumentano il peso
del tacere , e le tende nere della notte
cadono lentamente sui colli veronesi
per non lasciarci vedere il volto luminoso
della luna …
E’ l’una … fra qualche ora sorgerà l’alba .
Sono una sopravvissuta … ed almeno
per adesso … salva .
 
 
 
V I T A L E
 
Fluida … trasparente , com’è l’acqua sorgente
che rompe la superficie terrestre e
l’integrità delle rocce
per disperdere le proprie gocce cristalline
sui sassi e sulle pietre , creando
piccole cascate di gioia e di melodie fertili ;
profonda …com’è il mare
dove siamo concepiti
dove siamo stati cullati con delle canzoni magiche
delle conchiglie ;
illuminata … irradiata di luce
che nasce dal cuore dell’universo
ed erutta fortemente , spezzando le altezze ampie
degli orizzonti ;
romantica … com’è ogni depositaria devota
ai versi che giacciono nel grembo dell’anima ,
tutta radicata nei cieli alti e sconfinati ;
gravida di tutte le terre incendiate
dalle passioni primordiali … estendo le ali
per raggiungere il bagliore ardente del sole ,
una stella che palpita
che nuota tra fuoco e calore
per mettere il punto decisivo per ogni esistenza ;
irresistibile … libera ,
senza le catene della gravità e
delle leggi passeggere , inventate
dalle piccole menti umane , m’immergo
nell’infinito … lì , dove le Tue mani immense
mi accoglierebbero coll’amore …com’è quello
del bambino che ospita ogni lucciola tremante
di vita …
Allora mi ritroverei
mi riconoscerei … in quella poesia unica , eterna ,
mai conosciuta e mai scritta.
 
Advertisements

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out /  Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out /  Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out /  Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out /  Change )

Connecting to %s