IL MIO FIUME / Poesie di Sinan Vaka

Poesie di Sinan Vaka

 

IL MIO FIUME

1
Ho messo la testa sullo greto caldo
E un raggio di sole, 
Mi illumina come un rubino sulla mia faccia
Due goccie di lacrima .

2
Con gli occhi chiusi
su un punto schiumoso,
segue lo sventolio delle onde all’interno del alveo,
il dolore senza fine
di ripiegamento del fiume
il vagabondaggio delle acque al destino caduto.

3
Leggermente con braccia aperte il mormorio
Coinvolge le nostalgie
E accarezza di più;
Mi convincio per le ampiezze della mia anima,
Che si cullano,
Sopravvivono
Solo in questa fiume .

4
Ho visto nella nebbia delle stazioni
Che Il passato a volte chiarisce,
Le sponde e in qualche parte i scogli del mio tempo
Anche le profondita
Le caverne
Che i ricordi risvegliano.

5
Ho visto l’età
E l’anima tormentata mi ha tradito.
In questa spiaggia in frantumi
Con tutte le particelle vivificanti che sono fuggite,
Ombre di memoria,
Tracce del passato
Mi sono riunito in un sprazzo di acqua tra le mani
Con grida di panico,
Perché nei ritorni di immagini
Le nostalgie sono causa di sofferenza
Anche per un albero di fico sulla riva.
Ho visto la mia passeggiata nuda
Sopra la sabbia scottante,
Perché tra le sponda del fiume
Ha cullato e commiserato
I miei giorni con echi infantili.

@sinanvaka@gmail.com
© Sinan Deshiku Vaka
Te drejtat e autorit jane te rezervuara

Advertisements

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out /  Change )

Google photo

You are commenting using your Google account. Log Out /  Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out /  Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out /  Change )

Connecting to %s