Poesie di Emanuela M.R. Marzo

Poesie di Emanuela M.R. Marzo

 

QUANDO IL CIELO CADE

Rimbombano nel cielo
del cielo le bombe:
schianti e fragori,
angeliche
o diaboliche trombe …
Piove e s’annega
la terra,
piove e si riempie di suono
come ci fosse
una mistica guerra.
Tuona e romba
Tuona e dissotterra
Luce fulminea sfavilla
Riluce e scintilla:
si apre e si richiude
si rintana e si disserra
quasi un sol battito di ciglia.
Bomba e rimbomba
la volta si squarcia
nel suo urlo m’abbraccia
mi stringe e mi chiude
-del mio io non v’è più traccia!-
… altri mondi dischiude
… altri mondi minaccia.
Rimbomba e risuona
Riecheggia …
Riecheggio e mi chiudo
nessun’ egida mi ragiona
né per arma coriacea
né per coriaceo scudo.
Tremo e rintrona:
mi piega al suo suono
mi plasma duttile
al celeste frastuono
-tremo!-
e del rombo tremante risuono,
seguo le scie
di spiriti discreti
m’afferro a velati segreti
vaneggio
in sogni irrequieti.
Tuona e rimbomba
si squarcia e romba:
ascolto – non sento!-
altro simile fragore impetuoso
rumore lento,
lenta agonia:
tra i deliri delirio lussuoso
di tutti i miei sensi prodigiosa alchimia.
Bomba ché bomba
e si rimbalza
tuono su tuono che avanza:
Credo e non credo
al cielo m’affido
al cielo chiedo silenzio e pace
tremo e ritremo … mi alzo e ricado
finché con un click,
un tonfo paffuto e ai sensi rado,
tutto s’arresta e poi tutto tace!

Em@nuel M.R. M@rzo
[da: “Certi Mattini Incerti” – 2015]

 

COSE CHE MI RACCONTA IL MARE

S’alza il vento
riportandomi l’onda
che va e poi ritorna
nel mare
che s’agita e canta
e senza sosta ridona alla sponda
storie segrete e lontane
di un’antica terra
perduta e stanca…
Quel che credevo ieri
adesso si distende
e sulla pelle scende
come curiosi rivoli sinceri
di acqua e di sole
di allegria e di pianto
che si frantuma senza parole
sul mio sogno infranto:
il tutto si mescola e poi si perde
e più lo cerco e più si nasconde
e mi confonde
in mulinelli di bolle e di pensieri
lasciando nudi i miei desideri…
In questo capriccioso etere
è inevitabile cedere
al frastuono assordante
che non concede altro tempo al tempo
ormai molto, troppo distante:
in quelle nuvole alte ritrovo
di me
un altro frammento nuovo,
solo un pezzetto, un risicato lembo:
il riflesso di una bambina che torna
a dondolarsi
come fosse nel materno grembo,
nel suo remoto e beato limbo…
E mi ricordo, a momenti,
di certi eterni e fulminei
irripetibili istanti:
mi ricordo di una casa vicino allo scoglio
in cui riposavo innocente germoglio
nei pomeriggi assolati
mollemente affondati
nel fresco di un’alta stanza
nell’abbraccio
della familiare alleanza
tra mia madre e mia nonna
che mi parlano lente e lentamente
recitando la mia ninna nanna…
Mi ritorna l’odore della salsedine
sul tessuto di cotone a fiori
-vezzo d’innocente beatitudine-
costumino messo ad asciugare
nel cortile dietro la casa,
in quelle stanze affacciate sul mare …

Em@nuel@ M.R. M@rzo
[“Le Quattro Stagioni dell’Umore-Stagione della Riflessione”]

 

BUONGIORNO, BELLE ANIME!

IO

Io,
io sono paura,
paura delle mie paure,
paura che mi rallenta
e mi annienta.
Paura che mi stringe nell’angolo
dei miei pensieri
dove ritrovo ancora il timore
dei miei timori
ancora.
Non trovo vincolo più avvolgente,
non conosco nodo più stretto,
mosaico più intricato e contorto
lucido nella sua logica
che pur non è logica,
non è nulla che ricordi l’umana ragione.
Ed in questo ticchettare continuo
lento, assordante e continuo
e poi ancora continuo e lento,
dimentico quasi di respirare
e quindi di vivere
in ogni respiro .

Em@nuel@ M.R. M@rzo
[“Le Quattro Stagioni dell’Umore-Stagione dell’Introspezione” Edita in “Impronte” di Elio Pecora]

Advertisements

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s