Queste scosse improvvise che si chiamano poesia. Lucien Noullez

Queste scosse improvvise che si chiamano poesia. Lucien Noullez

http://www.margutte.com/?p=18090

 

 

Lucien-Noullez-photo-copyright-Laurie-Anne-Perrault-2

Intervista con Lucien Noullez

 

 

Quando ha cominciato a scrivere ?

 

Scrivo da prima di aver cominciato a scrivere. A quattro anni vedevo mio padre assorto, con la penna in mano. Quell’uomo sorridente sfoggiava una serietà impressionante. Mi sedevo di fronte a lui e prendevo una mina “da adulti”, una mina di matita, e tracciavo delle barre su dei foglietti bianchi. Ero convinto che scrivere avrebbe fatto di me un grand’uomo. Ma oggi mio padre è morto con un sorriso scherzoso. Questo mi ha fatto sentire vecchio e ho preso a scrivere, disperatamente alla ricerca di diventare un grand’uomo. Scrivo invano, credo. Invecchio, ingrasso, trascino la mia carcassa…e resto un bambino.

 

Come definisce la poesia?

 

Non ho definizioni per la poesia, ho piuttosto due propositi, nati dal mio Giornale.

La verità, qualche volta, va in collera, singhiozza nella sua solitudine, entra in contemplazione o si butta dentro una bella risata. Credo, anche semplificando, che si chiamino poesia queste scosse improvvise, inopinate, spesso sovversive e, nondimeno, senza potere.

(25/12/13)

 

(Traduzione di Gemma Francone e Franco Blandino)

 

 

 

il-volo

foto di Bruna Bonino

 

Anche se mi restasse una sola parola da dire,

Io tacerei

Tacerei per paura del grande freddo

O perché qualcun altro la potrebbe dire meglio

Ma se questa è l’unica parola

L’ultima del mondo, io tacerò ancora di più

Avrò vergogna dell’ultima parola

Piegata in mille cascate

Dentro il mare

 

***

 

Per la morte di papà, eravamo preparati

avevamo fermato la memoria e spogliato tutti i giorni

in cui papà taceva.

Eravamo pronti, nella cascata.

e d’altronde pioveva.

E papà

è morto.

Eravamo pronti,

eravamo senza riparo,

talmente pronti, papà, talmente a nudo

che la tua morte ci ha riportati

a quel piccolo nulla

che ci faceva balbettare papà,

papà, papà

 

(inediti)

 

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out /  Change )

Google photo

You are commenting using your Google account. Log Out /  Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out /  Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out /  Change )

Connecting to %s