Poesie di Emanuela M. R. Marzo

Poesie di Emanuela M. R. Marzo

 

DISINCANTO

Lo chiamo Amarezza
lo strano e alieno suono
che come tuono
spegne in sé il dolce seme
di ogni tenerezza
prova di perdono,
di armonica concordia amara speme!
E’ un’apatia che sale
mentre l’umore scende,
nel vortice di rabbia mi sorprende
nella voragine abissale
del disinganno
mi getta e mi sommerge …
… poi fugge …
dimenticati impeti rianima e riaccende!
Grondo in affollata solitudine
-Aliena Moltitudine! –
sudore e ricordi
-come morti e poi risorti-:
rivoli salati sulla pelle,
gocce agrodolci sul cuore:
vera amara pioggia a catinelle …

 

ANONIMA SERA D’AGOSTO

Dove la linea del mare curva
proprio là in fondo
Nel profondo
la mia anima si espande
nella disperazione Ti cerca
disperata
alla Tua Essenza tende
Tremando sospende
in quest’attimo immobile
angosce e ricerche:
proposito nobile
-ma ormai solo parole secche-
di resistere alla vita
con la mia vita labile …
S’avvicendano eventi mondani
e venti lontani
mi trasportano
e annegano la voglia d’esserci ancora,
di respirare un’altra magica
incantevole aurora:
là giù nell’ignoto ed arcano
in quell’orizzonte sbiadito e ricurvo
placidamente
indomita io mi allontano …

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out /  Change )

Google photo

You are commenting using your Google account. Log Out /  Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out /  Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out /  Change )

Connecting to %s